QUAL E’ IL LAVORO CHE FA PER ME?

QUAL E' IL LAVORO CHE FA PER ME?

Essere confusi di fronte al mercato del lavoro, non avere le idee chiare su cosa vogliamo veramente, o non saper riconoscerlo, è una condizione assolutamente naturale, tipica dei periodi di transizione.

Momenti importanti come il primo approccio al mondo del lavoro, una ricollocazione professionale, o più in generale un cambiamento interiore o ambientale, possono essere caratterizzati da incertezza, indecisione.
 
Per prima cosa dunque, Niente Paura!
 
Per rispondere alla domanda “Qual e’ il lavoro che fa per me?“, mi piacerebbe dirti che la forza di ciò che vuoi è dentro di te, che basta seguire il tuo cuore, o che la tua guida interiore ti dirà la via. Ma probabilmente mi risponderesti: Si, ma come?

C’è qualcosa di molto più concreto che posso consigliarti: Se chiamiamo la forza interiore, Energia che spinge all’azione, il tuo cuore, Motivazione e la tua guida interiore Potenziale, eccoci che dal mondo astratto siamo passati alla Scienza.
 
Sapevi che da qualche decennio la Psicologia ha evidenziato la relazione tra Ambiente di Lavoro e Personalità? Leggi l’articolo, sono sicura che troverai la tua risposta 🙂
 
 

QUAL E’ IL LAVORO CHE FA PER ME?


John L. Holland nel 1973 espose la Teoria dei 6 tipi di personalità legate agli ambienti lavorativi. Esaminando studi realizzati sulla struttura degli interessi professionali, ha individuato 6 grandi dimensioni di interessi associabili ad altrettanti tipi di personalità:
Realistica (R) o concreta, Intellettuale (I) o investigativa, Artistica (A), Sociale (S) , Imprenditoriale (E), Convenzionale (C) o organizzatrice. Lo scopo dell’Autore era, attraverso l’uso di Test, stabilire la (o le) tipologia dominante di un soggetto al fine di consentirgli di ottenere un quadro il più possibile esaustivo delle professioni che più si avvicinassero al suo modo di intendere il lavoro.

Ve ne propongo a tal proposito una versione Free Test per soddisfare la vostra curiosità. Tenendo ben presente però che così proposto vale poco più di un gioco.
 

Il corretto utilizzo del Test dipende dall’accurata interpretazione di un esperto che ne delinei la modalità in cui si esprimono i tratti in funzione delle caratteristiche individuali.

Il RIASEC è tutt’oggi una linea guida per attività che riguardano la Selezione e il Recruiting, la scelta della formazione scolastica o specialista, e l’Orientamento Professionale, disciplina che ha subìto in particolare notevoli mutamenti.
 
 

ORIENTAMENTO PROFESSIONALE


Al cambiamento delle professionalità e del modo di intendere l’istruzione e la specializzazione, si è associato un nuovo modo di approcciarsi all’Orientamento Professionale.
Oggi, chi si occupa di Orientamento Professionale, generalmente adotta un modello centrato sull’Empowerment, cioè quel costrutto che riguarda il potenziamento del controllo sulla propria vita e il potere e la percezione di tale controllo. Come lo stesso Holland (1996) insegna, un individuo “fiorisce” nel suo ambiente lavorativo quando c’è una buona corrispondenza tra la sua personalità e le caratteristiche dell’ambiente nel quale lavora.
 
Cito una famosissima frase di Confucio che sicuramente conoscerete:

QUAL E' IL LAVORO CHE FA PER ME?

Scegli il lavoro che ami e non lavorerai mai, neanche per un giorno in tutta la tua vita“.
 
Ebbene, l’individuo ha in sé ampie possibilità di comprendere se stesso. Con la giusta guida è possibile riconoscere Chi vogliamo essere professionalmente, canalizzare le energie, esprimere al meglio il nostro potenziale, valorizzare le nostre competenze, migliorare la nostra autostima, sentirci auto-efficaci, crescere come persone e come professionisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *